Migrants : révolte du CIE de Turin – 22 septembre 2011

Rivolta e scontri al Cie di Torino, diversi immigrati in fuga

tmnews.it

Roma, 22 set. (TMNews) – Rivolta e scontri ieri sera, dopo Lampedusa, anche al Cie di Torino, in via Santa Maria Mazzarello. Prima una manifestazione davanti al Cie di appartenenti all’area anarco-anagonista della città, che hanno gridato la propria solidarietà ai clandestini facendo esplodere qualche petardo e lanciando numerose palline da tennis contenenti fogli incitanti alla rivolta e relativi anche ai recenti scontri nei Cie Brindisi e Lampedusa. Poi, poco dopo la mezzanotte, all’interno del centro si è scatenata una violenta sommossa che ha coinvolto tutte le aree: gli immigrati hanno sfondato i cancelli di ingresso spargendosi poi nel perimetro interno del centro e cercando una via di fuga.

Intanto la polizia di Agrigento ha fermato quattro extracomunitari che avrebbero partecipato alla rivolta di due giorni fa al Cie di Lampedusa, culminata con l’incendio di una vasta area della struttura. Oltre a loro, la polizia ha fermato anche altri sette uomini, quattro ritenuti scafisti, ed altri tre migranti irregolari già espulsi in precedenza. Ad emettere i provvedimenti è stato il procuratore aggiunto di Agrigento, Ignazio Fonzo. Gli extracomunitari arrestati sono stati trasferiti nel carcere agrigentino di Petrusa.

A Torino contro i carabinieri e la polizia, che cercavano rinforzi per contenere la sommossa, sono stati lanciati calcinacci, pezzi di suppellettili strappati dalle sale mensa delle aree e sassi e una parte dei clandestini che erano riusciti ad uscire dalle due aree, circa 20 persone in tutto, sono riusciti a fuggire. Due clandestini sono invece stati arrestati: il primo per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e per danneggiamento, per aver sfondato, in concorso con altri, un cancello di ingresso del Cie e poi per avere colpito con una spranga in ferro sottoposta a sequestro gli agenti intervenuti per contenere la rivolta ed impedire la fuga. Il secondo per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, per avere picchiato due carabinieri. Dopo…

 

Dopo

~ par Alain Bertho sur 23 septembre 2011.

Votre commentaire

Entrez vos coordonnées ci-dessous ou cliquez sur une icône pour vous connecter:

Logo WordPress.com

Vous commentez à l’aide de votre compte WordPress.com. Déconnexion /  Changer )

Photo Google

Vous commentez à l’aide de votre compte Google. Déconnexion /  Changer )

Image Twitter

Vous commentez à l’aide de votre compte Twitter. Déconnexion /  Changer )

Photo Facebook

Vous commentez à l’aide de votre compte Facebook. Déconnexion /  Changer )

Connexion à %s

 
%d blogueurs aiment cette page :